10 febbraio 2017 c/o Aula Magna Biblioteca Malatestiana, Cesena

Federico da Montefeltro è passato alla storia come uno dei più grandi condottieri e mecenati del Rinascimento. Le malattie che lo afflissero, al pari delle sue gesta, sono rimaste un enigma. Oggi, dopo molti secoli, uno studio multidisciplinare delle fonti originali dell'epoca e dei resti mortali del duca permette di gettare finalmente luce su questo mistero.

16:00 – 16:10 Saluti e Introduzione (Stefano De Carolis, Francesco Maria Galassi)

16:10 – 16:30 La gotta nella storia della medicina (Stefano De Carolis)

16:30 – 17:10 La tomba di Federico: storia di una indagine archeologica (Antonio Fornaciari)

17:00 – 17:40 Paleopatografia di Federico da Montefeltro (Francesco Maria Galassi)

17:40 – 18:30 Tavola rotonda: la gotta di Federico da Montefeltro (Emanuele Armocida, Gino Fornaciari, Valentina Giuffra, Antonio Fornaciari, Francesco Maria Galassi, Stefano De Carolis moderatore).

Stefano De Carolis (Unità Operativa Anziani e Disabili fisici e sensoriali dell’Azienda U.S.L. di Rimini)

Francesco Maria Galassi (Istituto di Medicina Evolutiva, Università di Zurigo)

Antonio Fornaciari (Division of Paleopathology, Department of Translational Research on New Technologies in Medicine and Surgery, University of Pisa Medical School)

Emanuele Armocida (Università di Bologna)

Gino Fornaciari (Division of Paleopathology, Department of Translational Research on New Technologies in Medicine and Surgery, University of Pisa Medical School)

Valentina Giuffra (Division of Paleopathology, Department of Translational Research on New Technologies in Medicine and Surgery, University of Pisa Medical School)

Iniziativa organizzata dalle APS Orango-curiosi per natura, Gruppo Archeologico Cesenate, Associazione Pro Rubicone, Associazione Terre Centuriate Cesenate

Prossimo articolo Articolo precedente